La grappa

                                      

 

LA GRAPPA


 

                 

 

Cos'è la grappa

La grappa è una tipologia di distillato che viene prodotto utilizzando vinacce ricavate esclusivamente da uve prodotte e vinificate in Italia o nella Svizzera italiana.

La grappa deriva dalla distillazione delle vinacce in seguito alla svinatura, vinacce fermentate, oppure da vinacce vergini fatte fermentare in seguito alla separazione dei mosti (sgrondatura vinificazione in bianco).

Le grappe di qualità maggiore richiedono, nella maggioranza dei casi, la separazione di vinaccioli prima della distillazione.

 

 

                 
 

Le caratteristiche

La grappa presenta un contenuto alcolico tra il 37,5 ed il 60% vol, raggiunto direttamente, nel caso delle grappe pieno grado, oppure con l'aggiunta di acqua nella giusta percentuale e proporzione al prodotto della distillazione.


 

La classificazione

La grappa viene classificata in base all'affinamento e/o lavorazioni che seguono la distillazione:

  • giovane;

  • aromatica;

  • invecchiata;

  • riserva invecchiata;

  • aromatizzata;

  • grappa di monovitigno;

  • grappa mista.


 

Le grappe di alta qualità vengono servite tutte a temperatura ambiente in maniera tale da esaltarne al meglio i profumi ed il sapore. Nella maggioranza dei casi, per mode locali o per mascherare prodotti di qualità mediocre, la grappa viene servita fredda o da freezer.

La qualità della grappa dipende strettamente dal tipo e dalla qualità delle uve usate, ma anche dall'impianto di distillazione e dalle capacità tecniche del mastro distillatore.


                                                   

 

                                                   

 

Le tecniche moderne di distillazione e invecchiamento

Gli impianti moderni di distillazione a bagnomaria continuo sono oramai diventati automatizzati e sono dotati di una tramoggia di carico, un distillatore, una colonna di rettifica, ed un condensatore.

I processi di lungo affinamento in legno vengono eseguiti in maniera più tradizionale in grandi botti da invecchiamento, nella maggioranza dei casi in barrique da 225 litri.

Questo riposo influisce sul prodotto in base alla varietà del legno usato che interagisce col distillato col quale viene a contatto.

Per l'invecchiamento della grappa le tipologie di legno più usate sono: il rovere, l'acacia ed il ciliegio.

Per ragioni di prossimità e per la loro qualità i roveri francesi e croati vengono utilizzati nella maggioranza dei casi.

Tra i roveti francesi vanno sicuramente ricordati i roveri della foresta di Tronçais e delle foreste circostanti nell'Allier, quelle di Nevers, del Limousin e del Cher.

Il rovere dona un bellissimo colore ambrato e cede sostanze importanti per la formazione del prodotto finale, che viene spesso imbottigliato in bottiglie artistiche d'artigianato.

La legge italiana consente anche una lieve edulcorazione (max 2%) tramite l'aggiunta di zucchero che può essere caramellato nel caso di grappe invecchiate o riserve.

In seguito alla produzione della grappa, i vinaccioli possono essere utilizzati anche per la produzione di olio ad usi alimentari oppure industriali.

 

                                     
 

I bicchieri

Nella maggior parte dei casi i bicchieri usati appartengono alla cosiddetta categoria tulipe; tuttavia, per servire grappe molto invecchiate si possono utilizzare i bicchieri da cognac tipo baloon, più ampi ed adatti ad apprezzare le caratteristiche organolettiche del prodotto.


 

Le grappe regionali

In Italia si producono le seguenti grappe:

  • Grappa di Barolo;

  • Grappa piemontese;

  • Grappa trentina;

  • Grappa friulana;

  • Grappa veneta;

  • Grappa altoatesina;

  • Grappa siciliana;

  • Grappa di Marsala.

 

  
 

La legislazione

il regolamento del Consiglio europeo n. 1576/89 del 29 maggio 1989 stabiliva che la denominazione grappa poteva essere applicata solamente ai distillati di vinaccia prodotti in Italia.

Con il nuovo regolamento, una bevanda alcolico viene chiamata grappa solamente se rispetta le condizioni riportate al paragrafo 6 dell'Allegato ii dello stesso regolamento.

Per quanto riguarda i Paesi che non fanno parte dell'UE, la denominazione grappa viene applicata solamente ai distillati di vinaccia prodotti in alcune zone della Svizzera.

Sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 30 settembre 2011 è stato pubblicato il decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che contiene la scheda tecnica della grappa, in attuazione al regolamento (CE) n. 110/2008 sulla designazione, presentazione, etichettatura e protezione delle Indicazioni Geografiche delle bevande spiritose.

Le modalità di produzione che vengono riportate nella scheda tecnica rispecchiano perfettamente le peculiarità della produzione tradizionale, pur tenendo conto degli adeguamenti tecnologici. In particolar modo, la scheda tecnica che si riferisce alla IG grappa, oltre agli elementi che caratterizzano il prodotto ed il metodo di produzione, prevede l'obbligo di imbottigliamenti in impianti collocati sul territorio nazionale in maniera tale da salvaguardarne la qualità e garantirne l'origine.


                             

 

 

 

           


 


 

 

 

 

Informazioni su tappi e chiusure:

Fare il vino è un lavoro di passione e farlo bene assorbe molto tempo. La fase del confezionamento è sicuramente la più importante di tutte e, nella maggioranza dei casi, non le si dà il giusto peso. Difatti è soltanto la buona conservazione che Vi permette di gustare il frutto del vostro lavoro.

Labrenta srl è un’azienda di Breganze (Vicenza), leader nella produzione di chiusure per la conservazione ottimale del vino. Questa azienda è specializzata nella produzione di tappi in sughero (tappi in sughero naturale monopezzo e tappi tecnologici micro agglomerati) , tutti testati con il sistema check cork 5 per contrastare spiacevoli problematiche legate all’odore da tappo (conosciuto come TCA). Il sughero utilizzato proviene perlopiù dal Portogallo e dalla Sardegna. Labrenta srl è specializzata nella produzione dei seguenti tipi di tappi:

  • tappi in plastica adatti a tutte le bottiglie in vetro per vino;

  • tappi a corona di ultima generazione adatti a conservare ottimamente tutti i tipi di vini fermi, vini frizzanti o vini spumante;

  • tappo a corona con guarnizione separabile in plastica, che si può tranquillamente smaltire anche nella raccolta differenziata;

  • tappi sintetici (chiamati anche tappi in silicone) di ultima generazione, utilizzati per tappare vini fermi, vini frizzanti e vini spumanti.

In commercio si possono reperire tutte queste tipologie di tappi nelle più svariate dimensioni, colori e mescole.

Tutti gli articoli prodotti vengono sottoposti a severi test di qualità per verificare la loro efficacia di chiusura immediata e, naturalmente, la loro capacità di conservare a lungo il vino.

Visita per maggiori informazioni i seguenti link:

  • tappi speciali e di design per liquori, distillati olio e aceto: www.dysty.com;

Contattateci per conoscere il rivenditore oppure il distributore più vicino alla vostra città scrivendo a info@labrenta.com.


 


 


 

X

Change language

English English
Italiano Italiano